Donne e Mondo della Vendita

donne-e-vendita-società-vendita-formazione-consulenza-analisi-strategia-trentino-alto-adige-triveneto-nord-italia

Il mondo della vendita al femminile in Italia: c’è correlazione tra essere donna e vendere?

La vendita per linguaggio, impostazione, metafore, è ancora un mondo molto maschile. Le metafore usate sono maschili (guerra, frontiera, sport di scontro fisico, conquista), così come il linguaggio, il gergo, i paragoni. Gli aspetti pratici (settori, orari, dinamiche di relazione, …) a volte sono più difficili da gestire per una donna.

Come si può far sì che le differenze diventino degli asset da valorizzare anziché dei limiti?

 


Ti interessa questa rubrica? Leggi tutti gli articoli sul blog di Laboratorio Commerciale! Clicca qui!


 

Proviamo innanzitutto a fare una fotografia della situazione con un’analisi SWOT:

PUNTI DI FORZA

PUNTI DI DEBOLEZZA

OPPORTUNITA’

Le principali sono legate all’evoluzione del mercato:

MINACCE

 

OPINIONI DAL MERCATO

Abbiamo iniziato a raccogliere pareri con delle interviste: vi anticipiamo alcuni dei primi risultati, ma nei prossimi mesi continueremo: organizzeremo dei focus group (se vuoi iscriverti puoi farlo qui info@laboratoriocommerciale.it) e sulla nostra newsletter pubblicheremo i risultati (per riceverla registrati qui LINK).

Abbiamo selezionato 5 donne nel ruolo di venditrici (in settori diversi tra loro) e 2 uomini nel ruolo di direttori commerciali chiedendo di raccontarci il loro punto di vista su questi temi.

 

Dalle interviste alle venditrici, è emerso che:

 

I due direttori commerciali uomini, circa le venditrici nella loro squadra, hanno evidenziato:

 

CONCLUSIONI

Anche da un punto di vista numerico, dove c’è diversità di genere combinata con integrazione e azioni mirate si registrano maggiore fatturato (+ 14%) e maggiore profitto netto per trimestre (+19%).

Come fare per raggiungere questi risultati?

Spesso a fronte di situazioni difficili le soluzioni sono l’appiattimento delle differenze, e ci troviamo quindi di fronte a donne che eliminano la propria femminilità e si comportano da uomo; oppure, il cambio di ruolo.

Si deve invece puntare a soluzioni per cui la differenza di genere crei un valore per l’azienda, grazie alla sinergia tra punti di vista diversi.

 

Certamente la formazione mirata per far emergere i potenziali di ciascuno al loro massimo, e per imparare a lavorare davvero in squadra alternandosi in modo sinergico, può essere una chiave: da parte nostra, proveremo a cogliere questa sfida… seguiteci per saperne di più!

 

BIBLIOGRAFIA

 

Approfondisci questa rubrica sul blog di Laboratorio Commerciale! Clicca qui!

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani sempre aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter

Anna Raffaelli

Anna Raffaelli

Responsabile Formazione

Viviamo in un contesto dinamico, caratterizzato da ibridazione tra diversi modelli, contaminazione tra settori, situazioni impreviste: in questo scenario, io stessa mi considero una professionista sempre in movimento, in costante dialogo tra diversi mondi, profit e no profit, grande azienda e piccole imprese. La mia filosofia è sempre stata quella del "vola solo chi osa farlo", e amo mettere le mie competenze al servizio di progetti innovativi e sfidanti. Ricarico le pile e trovo ispirazione in montagna, maestra di resistenza, coraggio e armonia.
anna@gabriellipartner.com